Ghetto Blatta – Giorno 17

LYRIC
Giorno 17

Vixi Vox

Scarafaggi sul beat sai ti gusta!
Ti sei rotto un po' i coglioni?
Vixi te li aggiusta
Giorno 17 con il ritmo per
La giusta chiappa che si muove
Traballando ammutolisce Zarathustra
Lustrami le sopracciglia chiska
Faccio la lacrimare basi
Dopo rappo sulla cispa
Userò placche tettoniche
Che ho finito la risma:
Quando poi ti leggo il testo
Creo il peggiore sisma! [Oh shit!
Papi, Papi! Papilloma!
Non giocare col mio hermano
Poca broma!
Toda gioia! Toda incertezza
Mi faccio un pack da 6 pure con Madre Teresa!
Santa Teresa! Sì, Santa!
Whisky, birra e barre mentre c'è
Chi va a 60!
La mattina coma come se gatta ci cova..
O cicagna?
Ma che lagna!
Il tuo nome non lo scrivo neanche alla lavagna!
Magna Opera
Gambe in spalla come un pappagallo
All'arrembaggio!
All'Harem faccio tremare le cosce
Abbassa pure le tue creste di gallo
Che mò ti scaldo con due rime
Un paio di belle brioche!
Vixi in fiore:
Baguette di rose oppure bouquet di rosette
Buche in giro ritornano come l'herpes!
Filastrocche per sciocche in preda all'eccesso
Botte da orbi che le botte le danno al cesso

Dr. Diè

La scimmia balla nella stanza
Ti prego non parlare falla
Rollala rollala!
Ho voglia di fumare e di stuccarla
17 giorni ho un King Kong a rota libera che parla
Marrone, verde, giallo, rosso, bianco: fumo tutto
Borotalco in casa e cammino come 'no struzzo
Snazzico col mignolo
Mentre faccio filtri col tuo singolo
Fanne due me pare il minimo
La droga da la droga toglie
A fratè ma che te stai a fumà le foglie!?
Amici che vogliono una mano pe telefono
Singoyò compà cazzo me dici, ce se bevono
Non t'abbuffo niente recidivo
Non fare il vago, ho tutti i conti: me li scrivo
Tassativo che se imbocchi a casa porti i soldi
E non fai il figo
GhettoBlatta Ice che non va in frigo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *